Microsoft brevetta i virtual desktop

Questo articolo è più vecchio di 30 giorni. Le informazioni in esso contenute potrebbero non essere più attuali.

E` notizia di questi giorni (Punto Informatico, Wup.it, Slashdot) che Microsoft ha richiesto all’ufficio brevetti statunitense un brevetto relativo ad alcune tecnologie legate ai virtual desktop, quella funzionalità già presente da anni in molte interfacce grafiche per UNIX che permette di avere più desktop virtuali all’interno della stessa interfaccia grafica.

Se si consultano le immagini depositate con la richiesta (serve un plugin, ne ho salvata una copia qui – TIF, 16kB e qui – PNG, 44kB) si possono notare nientemeno che i loghi di Gnome e Kde.

No, non c’è niente da ridere, visto che per come funziona il sistema dei brevetti, se il brevetto viene rilasciato toccherà agli sviluppatori di window manager liberi accollarsi le spese legali per cercare di invalidarlo per prior art.

Commenti

  1. Tutto questo mi pare assurdo, i marchi di Gnome e KDE non sono registrati? e la GNU con cui sono rilasciati questi due desktop di Linux può davvero permettere che questi vengano brevettati?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Copyright © Fabrizio Tarizzo

Quest'opera è stata rilasciata sotto la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 3.0 Italia. Per leggere una copia della licenza visita il sito web http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/it/ o spedisci una lettera a Creative Commons, 171 Second Street, Suite 300, San Francisco, California, 94105, USA.