Ho appena ascoltato in radio l’ignobile versione neomelodica della sigla di Goldrake cantata da tale Alessio Caraturo.