I legali rappresentanti di Google Italia indagati per “concorso in diffamazione” per la vicenda del video del disabile picchiato in classe a Torino. La colpa sarebbe quella di non aver controllato ciò che viene immesso in rete tramite i loro servizi.

Google non mi sta certo simpatico, ma non c’è bisogno di dire che stavolta sto dalla sua parte.